Pubblica amministrazione

Servizio di igiene urbana – raccolta e trasporto rifiuti Urbani mediante raccolta differenziata porta a porta per il Comune di Monte Compatri

Soggetto aggiudicatore: Comune di Monte Compatri
Oggetto: Servizio di igiene urbana – raccolta e trasporto rifiuti Urbani mediante raccolta differenziata porta a porta per il Comune di Monte Compatri
Tipo di fornitura:
  • Servizi
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 7.395.636,93
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 7.387.329,73
Oneri Sicurezza (Iva esclusa): € 8.307,20
CIG: 7884042546
CUP: H49E18000200004
Stato: In svolgimento
Centro di costo: VI Settore Tutela Ambientale
Data pubblicazione: 15 gennaio 2020 9:30:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 14 febbraio 2020 12:00:00
Data scadenza: 09 marzo 2020 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • Domanda di partecipazione
  • Documento di Identità
  • Attestazione pagamento Contributo ANAC
  • Cauzione - Fidejussione
  • DGUE
  • PASS- OE
  • Dichiarazioni individuali soggettive
  • Dichiarazione del consorziato
  • Dichiarazione ausiliario per avvalimento
  • Dichiarazione costituenda ATI
  • Eventuali altri documenti integrativi
  • Dichiarazione requisiti capacità economico finanziaria
  • Dichiarazione capacità tecnico professionale
  • Dichiarazione capacità tecnico professionale- raccolta differenziata
  • Dichiarazione disponibilità mezzi e attrezzature
  • Dichiarazione relativa al personale
  • Eventuale dichiarazione ISO per riduzione polizza
  • Dichiarazione presa visione
  • Dichiarazione conformità standard sociali minimi
  • Dichiarazione codice etico
  • Eventuale procura
Per richiedere informazioni: RUP Comunale Geom. Michela Del Frate - tel. 06.94780512 – mail: m.delfrate@comune.montecompatri.rm.gov.it

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
Verbale di gara n. 1 10/07/2020 11:48 Verbali
Verbale n. 2 10/07/2020 11:49 Verbali
verbale Sedute Riservate 10/07/2020 11:49 Verbali
verbale 3 sed pubblica del 10.07.2020 10/07/2020 11:50 Verbali

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

AVVISO TERMINE ULTIMO PER SOPRALLUOGHI

Risposta:

considerato che non è stata erroneamente riportata la data ultima entro la quale è possibile effettuare il sopralluogo obbligatorio, si comunica che è possibile eseguirlo fino al giorno 21.02.2020 ore 12,00.

Il Rup comunale

FAQ n. 2

Domanda:

Spett.le Ente, premesso che: - ai sensi dell'art. 1, comma 18, secondo periodo, della legge n. 55 del 2019, il comma 6 dell'art. 105 del D.Lgs. 50/2016, risulta sospeso fino al 31 dicembre 2020, considerato che: - il disciplinare di gara, al punto 9 "Subappalto", dispone, tra l'altro, che "il concorrente è tenuto ad indicare nell'offerta obbligatoriamente tre subappaltatori"; si chiede di confermare, che la disposizione de qua, è da considerarsi un refuso, e pertanto il concorrente può riservarsi di subappaltare parte dei servizi, nei limiti di legge, omettendo di indicare la terna degli eventuali subappaltatori. distinti saluti

Risposta:

In riferimento al quesito sul Subappalto - Il concorrente ai sensi della L.50/2019 può riservarsi di non indicare la terna degli eventuali sub appaltatori

FAQ n. 3

Domanda:

Di seguito si formulano i ns. quesiti. QUESITO 1 Con riferimento a quanto richiesto nel Disciplinare di Gara art. 15.1, ovvero: i. L’impegno ad assumere prima della stipula del contratto o dell’avvio del servizio, idoneo personale per il regolare svolgimento delle prestazioni contrattuali, in conformità alle prescrizioni indicate all’art. 31, del C.S.A. ed in particolare che, ai sensi e per gli effetti dell’art. 100 – Requisiti per l’esecuzione dell’appalto, l’Impresa appaltatrice, compatibilmente con la propria organizzazione d’impresa, dovrà prioritariamente assorbire ed utilizzare nell’espletamento del servizio, qualora disponibili, le unità di personale assunte a tempo determinato ed indeterminato dal precedente appaltatore, così come specificato dalla sentenza del Consiglio di Stato n. 2637 del 26.05.2015; ii. L’impegno espresso e privo di ogni condizione ad accettare l’applicazione dell’art. 6 del C.C.N.L. Fise ASSOAMBIENTE e delle ulteriori norme e disposizioni che disciplinano il passaggio di gestione, e quindi a rilevare, in caso di aggiudicazione dell’appalto, il personale attualmente in servizio presso l’Appaltatore cessante, a far data dall’inizio dell’appalto con passaggio diretto e immediato, senza soluzione di continuità, e mantenendo l’anzianità maturata fino a quel momento. In caso di raggruppamento di concorrenti la dichiarazione deve essere prodotta congiuntamente dai componenti dell’associazione temporanea e dal consorzio. Si chiede di chiarire se ai sensi del punto (ii) è obbligatorio rilevare tutto il personale attualmente in servizio presso l’Appaltatore cessante oppure ai sensi del punto (i) l’Impresa appaltatrice, compatibilmente con la propria organizzazione d’impresa, dovrà prioritariamente assorbire ed utilizzare nell’espletamento del servizio le unità di personale assunte a tempo determinato ed indeterminato dal precedente appaltatore, in quanto il secondo impegno intende che, dall’elenco del personale cessante, non è obbligatorio assumere tutto il personale attualmente in servizio ma solo quello compatibile con la propria organizzazione d’impresa. QUESITO 2 Si chiede se prevista la redazione di un Piano di Assorbimento del personale e, se affermativo, in quale busta tale documento deve essere inserito. QUESITO 3 Con riferimento a quanto richiesto nel Disciplinare di Gara art. 16, ovvero: “L’offerta e la relazione tecnica dei servizi offerti, che deve contenere almeno una proposta tecnico- organizzativa comprensiva degli allegati per un massimo di 30 facciate numerate formato A4 (sono ammessi formati multipli del formato A4 ma saranno conteggiati considerando come unità di misura il formato A4, es. n.1 A3= n.2 A.4), interlinea 1.5 arial 11 per illustrare i criteri e sub-criteri di valutazione”, si chiede quanto segue: • se indice e copertina si intendono comprese nelle 30 facciate • se per facciate si intende un foglio (fronte/retro) o solo il fronte od il retro del foglio stesso • se il numero massimo di facciate è da ritenersi come parametro indicativo od a pena di esclusione Si evidenza che il numero di facciate richieste è palesemente inadeguato per poter rappresentare quanto richiesto nel Disciplinare di Gara, ovvero: - Un elaborato con tabelle riepilogative del personale, mezzi e attrezzature impiegati; - Un elaborato grafico che comprenda la descrizione dettagliata delle proposte migliorative; - Un elaborato che descriva le attività di comunicazione; - La descrizione dettagliata delle modalità di espletamento dei servizi con il personale minimo impiegato, i mezzi, le attrezzature e i materiali che verranno impiegati; - Elaborati grafici inerenti la rappresentazione delle modalità di raccolta e dei servizi di spazzamento. - una dichiarazione del legale rappresentante, resa nelle forme appropriate Tenendo anche conto che come richiesto nello stesso articolo “l’offerta tecnica dovrà essere precisa e dettagliata e indicare in modo chiaro e sintetico: le modalità di esecuzione dei servizi, la quantità e la qualifica del personale impiegato e il numero di ore di servizio, la quantità e le caratteristiche tecniche di veicoli, mezzi, attrezzature, cassoni, cassonetti, sacchi, dotazioni per la sicurezza dei lavoratori, materiale di consumo, ecc., nonché ogni altro elemento richiesto espressamente nel Capitolato Speciale d’Appalto e relativi allegati ed ogni elemento utile per l’attribuzione dei punteggi previsti per l’offerta tecnica medesima”. QUESITO 4 Con riferimento a quanto richiesto nel Disciplinare di Gara art. 16 ed all’art. 11 del CSA, si chiede se il documento “relazione tecnico-illustrativa prevista dall'art. 202 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i., redatta in modo coerente con le informazioni contenute nell’allegato “Descrizione del territorio, dati propedeutici alla redazione della proposta tecnica migliorativa e documenti del Comune di Monte Compatri per la regolamentazione del servizio” (Allegato 2 al CSA), ove l'offerente deve proporre alla Stazione appaltante un proprio Piano operativo contenente tra l'altro: - obiettivi annuali di raccolta differenziata, uguali o superiori al 70% che saranno anch’essi oggetto di valutazione da parte dell’Ente, il cui mancato raggiungimento comporterà l’applicazione delle penalità di cui all’art. 20 del presente C.S.A. salvo i casi di risoluzione anticipata; - obiettivi finali ed intermedi (annuali) relativi a riduzione delle quantità di rifiuti da smaltire e riduzione degli impatti ambientali della gestione dei rifiuti coerenti o migliorativi rispetti a quelli riportati nel D.T.P. e degli obiettivi previsti dal cap. 10 "Obiettivi sulla gestione dei rifiuti urbani" del PRGR potenziando i sistemi di raccolta differenziata per il recupero, riutilizzo e riciclo del materiale raccolto in collaborazione con gli enti committenti; - azioni per il conseguimento di detti obiettivi, indicando per ciascun flusso di rifiuti, modalità e tempi di attuazione e competenze e numerosità del personale necessario; - illustrazione schematica dettagliata del numero complessivo di risorse che ritengono necessarie per lo svolgimento a regola d’arte di tutti i servizi oggetto dell’affidamento, nessuno escluso, precisando i profili professionali, le mansioni, i previsti livelli di inquadramento, le riserve considerate per la sostituzione assenze; - eventuale peso previsto sull'utente sia in termini economici, sia di complessità delle operazioni a suo carico; - ulteriori suggerimenti utili alla riduzione della produzione di rifiuti e dell'impatto ambientale ad essa associato; - le modalità garantite dall’I.A. per l’eventuale supporto nella definizione dei criteri di assimilazione agli urbani dei rifiuti speciali provenienti dalle utenze domestiche; - le azioni specifiche per incrementare la raccolta differenziata presso le grandi utenze (strutture sanitarie, istituti scolastici, altro); - i servizi di raccolta differenziata dei rifiuti prodotti nel corso di eventi (anche nella giornata di domenica) prevedendo specifiche linee guida; - le modalità garantite dall’I.A. per la diffusione del compostaggio domestico e/o di comunità e per migliorarne l'efficacia; - modalità di promozione del riutilizzo di beni usati, del miglioramento della qualità della raccolta differenziata e del riciclaggio dei rifiuti; - individuazione di luoghi e modalità per il supporto al comune di Monte Compatri per l’implementazione di infrastrutture finalizzate alle attività di riutilizzo dei beni (Centri del riuso) in corso di realizzazione; - puntuale individuazione delle modalità di esecuzione dei servizi di pulizia e lavaggio del suolo pubblico, strade e dei marciapiedi (con particolare attenzione agli edifici comunali e monumentali) diversificati e con frequenze variabili in funzioni delle caratteristiche viabilistiche e del grado di frequentazione delle singole vie attraverso tecniche, mezzi e attrezzature all'avanguardia per massimizzare l'efficacia e l'efficienza del servizio e nel contempo ridurre i disagi e l'impatto ambientale (es. lance d'acqua) - incremento dei km minimi previsti per il trasposto dei rifiuti alle destinazioni di trattamento e smaltimento; - ulteriore incremento del numero di cestini in città e la relativa omogeneizzazione sperimentando l'utilizzo di cestini per la raccolta differenziata a partire da tutte le aree verdi cittadine oltre all'utilizzo di cestini intelligenti già precedentemente menzionati; - supporto tecnico nella fase di redazione di un nuovo regolamento comunale di igiene urbana; - Proposte migliorative per il controllo dell’abbandono dei rifiuti e proposte di azioni di prevenzione. debba intendersi come una relazione tecnica ulteriore rispetto alla proposta tecnico- organizzativa comprensiva degli allegati per un massimo di 30 facciate numerate formato A4 riportata al primo comma dell’art. 16 del Disciplinare di Gara. QUESITO 5 Con riferimento a quanto richiesto nel Disciplinare di Gara art. 16, si chiede conferma che il documento rappresentativo delle modalità di presentazione delle varianti migliorative sia un documento/elaborato indipendente rispetto alla proposta tecnico- organizzativa comprensiva degli allegati per un massimo di 30 facciate numerate formato A4 riportata al primo comma dell’art. 16 del Disciplinare di Gara oppure, a scelta della concorrente, possa essere contenuto all’interno della redazione tecnico-illustrativa, anche se sempre esentata rispetto ai vincoli di cui alla proposta tecnico- organizzativa comprensiva degli allegati per un massimo di 30 facciate numerate formato A4 riportata al primo comma dell’art. 16 del Disciplinare di Gara. QUESITO 6 Con riferimento a quanto richiesto nel Disciplinare di Gara art. 16, si chiede conferma che il documento rappresentativo dell’elaborazione progettuale esecutiva e di dettaglio, il modello organizzativo e strutturale dei servizi, le risorse umane, i mezzi ed i presidi tecnico – strumentali nonché tutte le ulteriori specifiche tecniche e d esecutive che l’operatore economico concorrente intende mettere in campo nello svolgimento dei servizi oggetto dell’appalto, e che devono essere indicate nell’Offerta Tecnica, sia un documento/elaborato indipendente rispetto alla proposta tecnico- organizzativa comprensiva degli allegati per un massimo di 30 facciate numerate formato A4 riportata al primo comma dell’art. 16 del Disciplinare di Gara. QUESITO 6 Con riferimento a quanto richiesto nel Disciplinare di Gara art. 18.1, ed in particolare ai Criteri e sub criteri per migliorie qualitative (lettera A), si chiede se la “Disponibilità a interventi di rimozione rifiuti abbandonati e pulizia aree di deposito incontrollato”, la “Disponibilità ad interventi migliorativi quantitativi di spazzamento manuale”, la “Disponibilità ad interventi migliorativi quantitativi di spazzamento meccanizzato”, la “Disponibilità ad interventi migliorativi quantitativi per sfalcio bordi stradali, diserbo etc etc”, la “Disponibilità ad interventi migliorativi quantitativi relative alla razionalizzazione del trasporto dei rifiuti nel territorio”, sia attribuita dalla commissione semplicemente dichiarando nell’Offerta Tecnica tale “disponibilità”, ovvero allegando a conferma altra documentazione. QUESITO 7 Con riferimento a quanto richiesto nel Disciplinare di Gara art. 18.1, ed in particolare a Proposte per la gestione organizzata del servizio di raccolta differenziata (lettera B), “Proposizione di rappresentazione cartografica e descrittiva di organizzazione del Servizio di R.D. dimensionato ed adattato al territorio per il raggiungimento dell’obiettivo minimo di raccolta differenziata (70%)”, si chiede di confermare che il contenuto atteso dalla stazione appaltante per tale elaborato sia una rappresentazione tabellare degli obiettivi per singola tipologia di rifiuto che permettano di evidenziare le modalità di raggiungimento dell’obiettivo minimo di raccolta differenziata (70%), ovvero si chiede di chiarire quale possa essere la rappresentazione cartografico di un obiettivo di raccolta differenziata. QUESITO 8 Con riferimento alla premessa di cui al CSA, ove indicato che verrà previsto un punteggio migliorativo alle offerte tecniche che riconoscessero ai propri operatori una percentuale maggiore di tale premialità, si chiede di indicare in quale punteggio di cui all’art. 18.1 del Disciplinare di Gara è riportata o ricompreso tale giudizio tecnico e quale sarebbe la premialità base a cui si riferisce il CSA. QUESITO 9 Con riferimento all’art. 21 del CSA si chiede di fornire l’elenco e l’ubicazione degli impianti di conferimento del rifiuto indifferenziato (lettera a), della frazione organica (umido) e dello scarto verde (lettera b), di ogni singola merceologica di rifiuto valorizzabile (lettera c), di altri rifiuti non recuperabili, raee, rup, ecc. (lettera d). QUESITO 10 Con riferimento all’art. 31 del CSA ed in particolare alla tabella relativa al personale cessante, si chiede di chiarire se gli operatori sono a contratto indeterminato o meno, se full time a 38 ore/settimana o se diversamente specificare quanto ore settimanali sono previste da contratto, se dotati di patente specificando se B o C, ed ove non indicato, riportare la parametrizzazione ai sensi del CCNL FISE. QUESITO 11 Con riferimento all’art. 32 del CSA si chiede di specificare lo standard minimo previsto per il materiale non ammortizzabile di cui al punto 2, essendone riportata la sola tipologia. QUESITO 12 Con riferimento all’art. 32 del CSA si chiede di specificare lo standard minimo previsto per mezzi ed attrezzature di cui al punto 3, essendone riportata la sola tipologia ed il costo unitario orario. Si evidenzia inoltre che il costo orario indicato è errato e probabilmente trattasi di costo annuo. Si chiede di chiarire. QUESITO 13 Con riferimento all’art. 32 del CSA si chiede di chiarire se l’elenco e relativa esaustiva descrizione dei veicoli e delle attrezzature da riportare in offerta tecnica (ovvero come richiesto da schede tecniche del costruttore) debba essere inserita in specifica relazione a parte, visto che le schede tecniche del costruttore non possono rispettare i requisiti richiesti per la relazione tecnica. QUESITO 14 Si chiede di confermare che i due immobili di cui all’art. 33 del CSA sono forniti dall’impresa aggiudicataria in comodato d’uso gratuito. QUESITO 15 Si chiede di chiarire il numero di utenze indicate al punto 1.2. del Disciplinare Tecnico, riferito alle utenze non domestiche e pari a 6.318. Si ritiene che tale numero si riferisca al totale delle utenze del territorio, somma di utenze domestiche e non domestiche. Si chiede di confermare. QUESITO 16 Si chiede di chiarire la tipologia della raccolta dello scarto verde da giardino, parchi, ecc. che all’art. 2 del Disciplinare Tecnico è prevista con modalità a chiamata da parte dell’utenza, mentre all’art. 1.1 del Disciplinare Tecnico (indicata come lettera F) è prevista con modalità domiciliare e frequenza 1 v/sett. QUESITO 17 Si chiede di confermare che i servizi a chiamata, di cui all’art. 2 del Disciplinare Tecnico, svolti presso il portone dello stabile sono compresi nel canone posta a base d’asta. Non potendo essere presenti nell’offerta tecnica elementi di natura economica si chiede di chiarire in dettaglio la modalità prevista all’art. 2 del Disciplinare Tecnico di presentare nell’offerta tecnico-economica la proposta di organizzazione del servizio a chiamata a pagamento per il servizio svolto direttamente a casa, specificando la tariffa al mc del servizio stesso. QUESITO 18 Si chiede di chiarire la volumetria dei contenitori delle pile che all’art. 3 del Disciplinare Tecnico, sono indicati da 40-50 litri prima e da 100-200 litri poi. Analogamente, si chiede di chiarire la volumetria dei contenitori dei farmaci e prodotti T e/o F, che all’art. 3 del Disciplinare Tecnico, sono indicati da 110 litri prima e da 120-150 litri poi. QUESITO 19 Con riferimento all’art. 8 del Disciplinare Tecnico si chiede di chiarire il numero di interventi indicato nella tabella finale in quanto, il mercato settimanale dovrebbe avere frequenza annua pari a 52 giornate, un mercato dovrebbe essere con cadenza 2 vv/mese e quindi per un numero di interventi annui pari a 26, infine le giornate al Parco Calahorra dovrebbe essere 19 nell’arco dell’anno e non 15 come indicato. QUESITO 20 Con riferimento all’art. 11 del Disciplinare Tecnico si chiede di indicare il numero di contenitori oggetto di lavaggio, distinguendo tra quelli per utenze domestiche (sopra 240 litri) ed utenze non domestiche (sopra 120 litri) e distinguendo tra vetro, rifiuti residuali e umido. QUESITO 21 Con riferimento all’art. 16 del Disciplinare Tecnico si chiede di chiarire se i servizi di spazzamento meccanizzato indicati si riferiscono a quelli da svolgere di cui all’art. 17 del Disciplinare Tecnico, ed in tal caso chiarire a quale articolo fare riferimento per tale tipologia di servizi. QUESITO 22 Con riferimento all’art. 27 del Disciplinare Tecnico si chiede di chiarire i valori riportati nelle tabelle in quanto non risulta corretta la terza colonna data dal prodotto delle prime due ed il totale porta ad un numero di utenze complessive superiori a quanto riportato nella documentazione di gara. QUESITO 23 Si richiedono le seguenti informazioni tecniche: - numero abitanti - numero famiglie - numero utenze domestiche - numero utenze non domestiche distinte per categoria PEF secondo 158/99 - quantità produzione rifiuti anno 2018 e 2019 complessiva e per singolo codice CER QUESITO 24 Con riferimento all’art. 3 del Disciplinare di Gara che all’ultimo comma riporta “Ai sensi dell’art. 23, comma 16, del D.Lgs 163/2016 e ss.mm.ii., l’importo a base di gara comprende i costi della manodopera che la stazione appaltante ha stimato in un costo di anni 5 (cinque) di Euro 4.019.283,86 I.V.A. esclusa”, si chiede chiarimento in merito ai costi della manodopera, in quanto l’applicazione del contratto FISE riferito a marzo 2019, all’unità del personale cessante di cui all’allegato Elenco operatori in servizio, risulta rispettivamente di Euro 4.661.877,95 o di Euro 4.792.973,90 a seconda della parametrizzazione scelta per i livelli anonimi, come si desume dalle seguenti tabelle di calcolo. Si chiede di chiarire la motivazione per cui i valori dichiarati nella documentazione di gara risultino sottostimati rispetto al personale del soggetto gestore cessante, e nel caso di refuso si chiede di correggere l’importo posto a base di gara. QUESITO 25 Con riferimento all’art. 23, comma 15, del Codice degli Appalti si chiede di esplicitare il prospetto economico degli oneri complessivi necessari per l'acquisizione dei servizi, distinto almeno nelle voci di cui all’allegato Mod relazione giustificativa del ribasso offerto della documentazione di gara.

Risposta:

Assorbimento del personale - In riferimento a quanto richiesto è obbligatoria rilevare tutto il personale attualmente in servizio presso l’Appaltatore cessante. Art.31 del CSA L’I.A. dovrà garantire la continuità dell’occupazione in favore dei medesimi lavoratori già impiegati dall’impresa uscente nell’esecuzione dell’appalto come dettagliata nell’allegato 1 del D.T.P. (elenco non nominativo del personale che l’impresa cessante ha dichiarato essere stato continuativamente addetto ai servizi alla data di pubblicazione del bando di gara, inclusivo di inquadramento, mansioni e qualifica, eventuali accordi collettivi aziendali a carattere economico goduti, anzianità maturata nella posizione parametro A o B, ente previdenziale di appartenenza) conservando lo stesso l'inquadramento in essere ai sensi dell'ex art. 6 del C.C.N.L. FISE – ASSOAMBIENTE 30/06/2008. Le Imprese partecipanti alla gara dovranno inserire nel computo metrico giustificativo del ribasso offerto il numero di addetti e di mezzi impiegati per ciascun servizio con la specifica della rispettiva qualifica CCNL FISE-ASSOAMBIENTE utilizzata e del tipo di automezzo (portata, capacità, tipologia ecc.). 2. Piano di assorbimento del personale – Non è obbligatorio fornire un piano di assorbimento del personale. 3. Conteggio pagine - Gli allegati alla relazione e offerta tecnica sono esclusi dal conteggio delle pagine. (Vedere art.16 punto a) del Disciplinare di gara). 4. Proposte migliorative – Le proposte migliorative, rientrano nel conteggio delle pagine, rientrano nelle facciate del punto sopra chiarito (punto 3). Gli elaborati grafici esplicativi dei servizi proposti, sono indicati come inclusi nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa; 5. Le varianti migliorative - Le varianti migliorative rientrano nelle facciate del punto sopra chiarito (punto 3), Gli elaborati grafici esplicativi dei servizi proposti, sono indicati come inclusi nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa; 6. 6.b - Il documento rappresentativo progettuale esecutivo e di dettaglio essendo un elaborato grafico esplicativo – Tale progetto dovrebbe essere incluso nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa; 7. Rappresentazione cartografica e descrittiva di organizzazione del Servizio di R.D. – l’elaborato, grafico o tabella (è facoltà della Ditta esprimersi sotto forma di elaborato, relazione, grafico, tabella, ecc) dovrà costituire una proposta di svolgimento della raccolta differenziata al fine di migliorarne l’obbiettivo. 8. I criteri di valutazione sono valutati successivamente ed in parte nell’art. 18.1 nella gestione R.D. del Disciplinare di gara; 9. Impianti - Attualmente la destinazione dei rifiuti è la seguente: - 20.03.01 – Porcarelli Gino & C. s.r.l.; - 20.03.03. – A.V.R. S.p.A.; - 15.01.01 – Ricicla Centro Italia s.r.l.; - 15.01.06 – Centro Riciclo Colleferro S.r.l.; - 15.01.07 - Ricicla Centro Italia s.r.l.; - 20.01.01- Ricicla Centro Italia s.r.l.; - 20.01.08 – A.C.I.A.M. spa; - 20.02.01 - A.C.I.A.M. spa; - 20.01.23 – Refecta srl; - 20.01.25 – Adriatica Oli S.r.l.; - 20.01.31 – Ricrea s.r.l.; - 20.01.35 – Refecta s.r.l; - 20.01.36 – Refecta s.r.l.; - 20.03.07 – Porcarelli Gino & C s.r.l. 10. Personale – Si allega tabella personale. 11. Standard minimo – Vedere tabella nel DTP. 12. Standard minimo automezzi – Il costo indicato in tabella è orario: Euro 14,597. 13. Elenco e schede tecniche e automezzi – E’possibile fornire elenco e schede a parte. 14. Comodato d’uso – Il deposito e il CRC sono in comodato d’uso gratuiti, ma l’I.A. dovrà attenersi agli obblighi di cui all’art.13 del DTP. 15. Numero U.D e U.N.D. - UD presenti negli archivi della Ditta attualmente in servizio 6299; - UND presenti negli archivi della Ditta attualmente in servizio 375. Gli abitanti a tutto il 31.12.2019 sono 12.148,00 (Centro urbano e Frazione). 16. Per gli sfalci è consentito il ritiro un giorno a settimana (anche con l’organico) per una quantità minima di 20kg in sacchi/fascina. (art.1.1 DTP punto f)). Quantità maggiori vanno conferito presso il CRC o su chiamata. 17. Raccolta a domicilio ingombranti, Raee e sfalci - La raccolta dei rifiuti ingombranti sarà gratuita fino ad 1.00 m3 sia per il ritiro nel CRC, a domicilio su prenotazione (al portone o cancello). Per le quantità superiori l’utente può usufruire del servizio previo pagamento accordato direttamente con Ditta appaltatrice. Per gli sfalci è consentito il ritiro un giorno a settimana (anche con l’organico) per una quantità minima di 20kg in sacchi/fascina. (art.1.1 DTP punto f)). Come indicato nell’’art.2 del DTP i servizi sono compresi nell’importo posto a base di gara nel limite delle quantità sopra descritte. 18. I contenitori pile, farmaci e prodotti T e/o F – Dovranno essere istallati contenitori con una capacità minima di 40/50 litri ad un max di 100/200 litri secondo il luogo di istallazione; 19. Mercati ecc. - Le giornate stimate sono quelle riportate nella tabella di cui all’art.8 punto 7). 20. Lavaggio cassonetti. – Il lavaggio cassonetti è stato eliminato dal servizio. 21. Spazzamento – Lo spazzamento dovrà essere eseguito come indicato al punto 2) dell’art. 16. Nell’art.17 sono descritte le modalità specifiche di esecuzione (pulizia con lancia dei marciapiedi). 22. Vedere risposta quesito n.15. 23. Vedere risposta quesito n.15. 24. Costo incidenza manodopera – Essendo stato verificato il costo effettivo della manodopera, è stato rimodulato il Q.T.E. del servizio, in cui sono state eliminate alcuni servizi aggiuntivi dall’esecuzione dell’appalto. 25. Prospetto economico – Come sopra menzionato il QTE è stato rimodulato, pertanto verrà pubblicato successivamente alla pubblicazione dell’Atto di approvazione del nuovo QTE. Il RUP

FAQ n. 4

Domanda:

AVVISO DI PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE OFFERTE

Risposta:

Bando di gara  a procedura aperta per Servizio di igiene urbana – raccolta e trasporto rifiuti Urbani mediante raccolta differenziata porta a porta del Comune di Montecompatri”  per un importo di  €  7.395.636,93  di cui € 8.307,20 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso con costi della manodopera sono stimati in  € 4.019.283,86   CIG 81371615AE

Si comunica che in esecuzione della determinazione del RUP comunale Dr Enrico Conigli  n. 41 del 17.02.2020 è stato rimodulato il quadro economico dell’ appalto e i termini previsti di presentazione delle offerte e della prima seduta di gara risultano variati come segue:

TERMINE PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE:

-ORE 12,00 DEL 09 Marzo 2020

PRIMA SEDUTA PUBBLICA DI GARA :   

-ORE  9,30 DEL 17 Marzo 2020

Sul sito della CUC e della XI Comunità Montana del Lazio è pubblicata la determina di cui sopra per la visione ai partecipanti  delle modifiche sopradette

                                                                                                          

                                                                                              Il Responsabile della CUC

                                                           XI C. Montana Castelli Romani e Prenestini

Dott. Rodolfo Salvatori

FAQ n. 5

Domanda:

Premesso che i criteri di valutazione discrezionali dell’offerta tecnica devono definire con chiarezza sia il raggio d’azione nel quale la Commissione è chiamata ad esprimersi sia il perimetro in cui il concorrente può (rectius deve) orientarsi nella definizione dei contenuti della propria proposta si evidenzia che i criteri e sub criteri definiti all’art. 18.1 del Disciplinare di Gara risultano del tutto generici, duplicati e in contrapposizione con i contenuti del Capitolato Speciale d’Appalto e/o del Disciplinare tecnico prestazionale. Nel dettaglio, si chiede di meglio definire con chiarezza la portata e l’ambito dei seguenti sub criteri: • SUB CRITERI A. Cosa si intende per “disponibilità” ovvero si chiede se ai fini del conseguimento del maggior punteggio è sufficiente una dichiarazione a firma del Legale Rappresentante che preveda tale impegno. Altresì si chiede la quantificazione numerica preliminare degli: a) interventi di rimozione rifiuti e pulizia aree di deposito incontrollato b) degli interventi migliorativi quantitativi di spazzamento manuale c) degli interventi migliorativi quantitativi di spazzamento meccanizzato d) degli interventi migliorativi quantitativi per sfalcio bordi stradali ecc. e) degli interventi migliorativi quantitativi relativi alla razionalizzazione del trasporto… per la quale si richiede la predetta “disponibilità”. • SUB CRITERI B. il sub criterio “miglioramento della RD nelle scuole, palestre, strutture sanitari, centri sportivi, uffici comunali” viene riproposto integralmente nell’ambito dei sub criteri E. si chiede di definire il significato e l’ambito che l’Ente ha inteso rappresentare agli stessi e il perimetro di valutazione cui la Commissione dovrà attenersi • SUB CRITERI F. all’art. 1 del Disciplinare Tecnico Prestazionale è esplicitamente previsto, in grassetto, che “rientrano nel corrispettivo dell’appalto l’acquisto e la distribuzione , PER LE UTENZE DOMESTICHE UD, dei sacchi e per l’umido e per l’indifferenziato …”, che, sempre nello stesso articolo, “i sacchi della frazione secca residua devono essere predisposti con codice a barre… al fine di poter effettuare controlli…”; a ciò si aggiunge, poi, che nel successivo art. 14 oltre ad essere definite le quantità di sacchi, approssimate per eccesso, viene previsto che “rientrano nella base d’asta il 5% in più annuo del numero di sacchi elencati nel presente articolo”. Alla luce di quanto premesso si chiede di chiarire la portata e il significato del relativo sub criterio.

Risposta:

1. 2. Valutazione - Verrà effettuata una valutazione qualitativa; 3. Criterio E - Nel criterio E, il sub criterio “ Miglioramento della RD nelle scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali”, è da intendersi come proposta di controllo nelle aree esterne di tali immobili,dove vengono depositati rifiuti. 4. Sacchi rifiuti da consegnare agli utenti. Spese materiale non ammortizzabile n° appalto SECCO RESIDUO Sacchetti in PE 70 lt 1.650.000 (APPROSSIMATO IN ECCESSO 52*1*5*6200) UMIDO Sacchetti biodegradabili da 10 lt 5.000.000,00(APPROSSIMATO IN ECCESSO 52*3*5*6200) Si ribadisce che è compreso nel costo dei sacchi un aumento in percentuale del 5% per le nuove utenze. Il RUP

FAQ n. 6

Domanda:

Di seguito alcune richieste di carattere generale: • Si chiede di definire univocamente lo standard minimo del servizio previsto per la raccolta differenziata ovvero se sia prevista la raccolta con modalità “porta a porta” su tutto il territorio oppure se ci sono alcune zone del territorio, ed in tal caso indicare quali, in cui deve essere prevista la raccolta con modalità “di prossimità”. • Con riferimento al personale attualmente impiegato, ai sensi dell’art. 6 del CCNL Servizi di Igiene Ambientale, si chiede la trasmissione delle seguenti informazioni:  elenco NON nominativo dei dipendenti, distinto tra addetti a tempo pieno e addetti a tempo parziale (con indicazione delle ore settimanali lavorate) e relativa misura percentuale; relativo livello di inquadramento, mansioni e/o qualifica; copia degli accordi collettivi aziendali di contenuto economico; anzianità nella posizione parametrale B; Ente previdenziale di appartenenza. Tali informazioni non sono contenute negli elaborati pubblicati a base gara. • DISCIPLINARE DI GARA: al punto 3, pag. 6, è quantificato il costo della manodopera in complessivi Euro 4.019.283,86, I.V.A. esclusa, che corrisponde ad un valore annuo pari a euro 803.856,77. Considerando il personale attualmente impiegato (tutti full time), indicato nell’ Allegato 1 al Disciplinare Tecnico Prestazionale, ed applicando il costo del lavoro di cui alle tabelle del MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - Direzione Generale dei Rapporti di Lavoro e delle Relazioni Industriali - Div. IV- COSTO MEDIO ORARIO PER IL PERSONALE ADDETTO AI SERVIZI AMBIENTALI - AZIENDE PRIVATE riferite a Marzo 2019 (ultimo aggiornamento disponibile), si ottiene un valore difforme del costo della manodopera indicato nei documenti di gara.Si chiede di chiarire come sia stata quantificato il costo della manodopera dichiarato a base gara, specificando il numero di addetti considerato ed il relativo costo. • A pag. 35, punto 16 del DISCIPLINARE DI GARA, è indicato quanto segue: “Nella relazione tecnico-illustrativa prevista dall'art. 202 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i., redatta in modo coerente con le informazioni contenute nell’allegato “Descrizione del territorio, dati propedeutici alla redazione della proposta tecnica migliorativa e documenti del Comune di Monte Compatri per la regolamentazione del servizio” (Allegato 2 al presente CSA), l’offerente dovrà proporre alla Stazione Appaltante un proprio Piano Operativo”. Anche in altri punti si fa riferimento all’ Allegato 2, si chiede di pubblicare l’elaborato “Allegato 2 al presente CSA”, che non risulta essere stato inserito fra la documentazione a base gara. • Con riferimento al DISCIPLINARE DI GARA, al punto 16 “Contenuto del Plico B – Offerta Tecnica”, è richiesta la produzione dei seguenti documenti: Si chiede se tali documenti possano essere prodotti all’interno di elaborati separati dalla “Relazione tecnica dei servizi offerti” costituita da solo 30 facciate formato A4. Le sole n. 30 facciate messe a disposizione non risultano sufficienti a contenere la mole di informazioni richieste al punto 16. • Con riferimento al punto 18.1 del DISCIPLINARE DI GARA, si chiede di chiarire la modalità di attribuzione del punteggio dei criteri di cui della “Tabella di valutazione” con l’indicazione precisa dei criteri “quantitativi” e di quelli “qualitativi”. • A pag. 39 del DISCIPLINARE DI GARA è indicato che: “Nella sezione identificata con la lettera A vengono indicati i punteggi relativi alle proposte migliorative quantitative”, si chiede chiarimento relativamente a o I sub-criterio – definire il numero di interventi di rimozione di rifiuti abbandonati all’anno per volumi < 6 mc quale standard minimo di riferimento; o II, III e IV sub-criterio - chiarire se il punteggio sia assegnato a seconda del numero di interventi aggiuntivi offerti, rispetto allo standard minimo; o V sub-criterio – chiarire il significato di “razionalizzazione del trasporto dei rifiuti nel territorio” in termini di interventi migliorativi-quantitativi e la modalità di attribuzione del punteggio. • Nella tabella a pag. 39 del “DISCIPLINARE DI GARA”, definita “Tabella di valutazione” è indicato lo stesso sub-criterio “Miglioramento della RD nelle scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali” sia con riferimento al criterio “B – Proposte per la gestione organizzata del servizio di raccolta differenziata” sia nel criterio “E – Proposte per il controllo dell’abbandono dei rifiuti”. Poiché le proposte organizzative riguardano “trasversalmente” i due sub-criteri, si chiede come saranno valutati atteso che il criterio “E - Proposte per il controllo dell’abbandono dei rifiuti” sembra riferirsi, principalmente, al controllo dell’abbandono dei rifiuti sul territorio e non all’interno di strutture quali scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali. • ART. 1. 2 DTP – si chiede se il “Piano per la raccolta della carta negli Uffici” debba essere inserito all’interno della Relazione Tecnica costituita da n. 30 facciate o se possa essere presentato come allegato a parte. Si chiede, inoltre, quali e quanti sono i “Settori” che devono essere dotati di “trituratori di carta”. • ART. 2 DTP: “Raccolta e trasporto dei rifiuti ingombranti, dei RAEE e del verde da giardino” – Si chiede conferma che per tale tipologia di servizio sia prevista la raccolta domiciliare, a pagamento, con oneri a carico dell’utenza, nelle more dell’attivazione del Centro Comunale di Raccolta. In tal caso si chiede se l’indicazione della tariffa/m3 “per il servizio di raccolta a casa invece che al portone dello stabile o all’entrata dell’utenza (solo per i condomini)” debba essere inserita nell’offerta tecnica. • ART. 2 DTP: “Raccolta e trasporto dei rifiuti ingombranti, dei RAEE e del verde da giardino” – Si chiede conferma che “le giornate ecologiche “da prevedere mensilmente per la raccolta degli ingombranti, debbano essere in aggiunta alla raccolta domiciliare “a pagamento”. • ART. 10 DTP: “Servizio di raccolta delle siringhe” – si chiede conferma che debba essere previsto un automezzo furgonato da utilizzarsi esclusivamente per il servizio di “raccolta siringhe” ed esclusivamente nel Comune di Monte Compatri; • ART 22: “Pulizia di cunette stradali e canali di scolo” – Si chiede di indicare il numero di cunette/caditoie stradali, pozzetti e rete fognaria bianca, presenti sul territorio comunale e oggetto degli interventi di pulizia di cui all’art. 22 del DTP. • Con riferimento al CAPITOLATO SPECIALE D’APPALTO, art. 32 – Mezzi e Attrezzature, si chiede di indicare per ciascuna tipologia di “mezzi”, di cui all’elenco “Mezzi ed Attrezzature, il monte ore annuo definito come standard minimo che non può variare in aumento o in diminuzione per più del 10%. Nella tabella, inoltre, sembra essere stata indicata un’unità di misura che non corrisponde al costo indicato (es. Autocompressore da 26 mc posteriore – unità di misura: Euro/ora – Costo: Euro 22.529 ???). Si chiede, inoltre, di definire lo standard minimo definito a base gara per il materiale non ammortizzabile (sacchi). • Ai sensi dell’art. 23 comma 15 del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii.: “15. Per quanto attiene agli appalti di servizi, il progetto deve contenere: la relazione tecnico-illustrativa del contesto in cui è inserito il servizio; le indicazioni e disposizioni per la stesura dei documenti inerenti alla sicurezza di cui all'articolo 26, comma 3, del decreto legislativo n. 81 del 2008; il calcolo degli importi per l'acquisizione dei servizi, con indicazione degli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso; il prospetto economico degli oneri complessivi necessari per l'acquisizione dei servizi; il capitolato speciale descrittivo e prestazionale, comprendente le specifiche tecniche, l'indicazione dei requisiti minimi che le offerte devono comunque garantire e degli aspetti che possono essere oggetto di variante migliorativa e conseguentemente, i criteri premiali da applicare alla valutazione delle offerte in sede di gara, l'indicazione di altre circostanze che potrebbero determinare la modifica delle condizioni negoziali durante il periodo di validità, fermo restando il divieto di modifica sostanziale”. • Si chiede alla Stazione Appaltante la pubblicazione del “calcolo degli importi per l’acquisizione dei servizi” ovvero il quadro economico del servizio con indicazione dei principali centri di costo che concorrono alla determinazione dell’importo a base d’asta (manodopera, gestione e ammortamento mezzi, acquisto attrezzature e materiale di consumo, spese generali ed utile d’impresa).

Risposta:

1. Servizio attuale - Il servizio attualmente in essere è totalmente Porta a Porta;
2. Assorbimento del personale - In riferimento a quanto richiesto è obbligatoria rilevare tutto il personale attualmente in servizio presso l’Appaltatore cessante. Si allega tabella dei dipendenti.
3. Costo incidenza manodopera – Essendo stato verificato il costo effettivo della manodopera, è stato rimodulato il Q.T.E. del servizio, in cui sono state eliminate alcuni servizi aggiuntivi dall’esecuzione dell’appalto.
4. Allegato 2 CSA – trattasi di un refuso, la Relazione dovrà essere redatta sui dati forniti dal CSA, DTP, allegati e presa visione dei luoghi.
5. Formulazione offerta tecnica.
- Elenco e schede tecniche e automezzi – E’possibile fornire elenco e schede a parte.
- Conteggio pagine - Gli allegati alla relazione e offerta tecnica sono esclusi dal conteggio delle pagine. (Vedere art.16 punto a) del Disciplinare di gara);
- Proposte migliorative – Le proposte migliorative, rientrano nel conteggio delle pagine, rientrano nelle facciate del punto sopra chiarito (punto 3). Gli elaborati grafici esplicativi dei servizi proposti, sono indicati come inclusi nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa;
- Le varianti migliorative - Le varianti migliorative rientrano nelle facciate del punto sopra chiarito (punto 3), Gli elaborati grafici esplicativi dei servizi proposti, sono indicati come inclusi nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa;
- Il documento rappresentativo progettuale esecutivo e di dettaglio essendo un elaborato grafico esplicativo – Tale progetto dovrebbe essere incluso nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa;
- Rappresentazione cartografica e descrittiva di organizzazione del Servizio di R.D. – l’elaborato, grafico o tabella (è facoltà della Ditta esprimersi sotto forma di elaborato, relazione, grafico, tabella, ecc) dovrà costituire una proposta di svolgimento della raccolta differenziata al fine di migliorarne l’obbiettivo.
6. Valutazione - Verrà effettuata una valutazione qualitativa;
7.
8. Criterio E - Nel criterio E, il sub criterio “ Miglioramento della RD nelle scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali”, è da intendersi come proposta di controllo nelle aree esterne di tali immobili,dove vengono depositati rifiuti.
9. Raccolta carta e fornitura Trituratori – La relazione piano per la raccolta della carta degli uffici comunali rientra tra la relazione inerente il servizio. Come indicato nell’art 4 del Capitolato Speciale d’Appalto, i trituratori dovranno essere forniti a servizio di ogni settore. I settori che costituisco il Comune sono 9 (Settore LL.PP., Settore V°, Settore Economico Fin., Settore Vigilanza, Settore Risorse Umane, Settore Affari Generali, Segretario Generale, Settore Servizio Demografico, Settore Igiene e Sanità.
10. Raccolta a domicilio ingombranti, Raee e sfalci - La raccolta dei rifiuti ingombranti sarà gratuita fino ad 1.00 m3 sia per il ritiro nel CRC, a domicilio su prenotazione (al portone o cancello). Per le quantità superiori l’utente può usufruire del servizio previo pagamento accordato direttamente con Ditta appaltatrice. La tariffa per quantità superiori ad 1.00 m3 se pur decisa dalla’I.A andrà autorizzata ed approvata dall’Ente, salvo eventuali successive determinazioni. Per gli sfalci è consentito il ritiro un giorno a settimana (anche con l’organico) per una quantità minima di 20kg in sacchi/fascina. (art.1.1 DTP punto f)). Come indicato nell’’art.2 del DTP i servizi sono compresi nell’importo posto a base di gara nel limite delle quantità sopra descritte.
11.
12. Giornate ecologiche. – Si dovranno prevedere le giornate ecologiche sono un servizio in più reso al cittadino. Comune di Monte Compatri Prot. n. 0004282 del 17-02-2020 partenza Cat. 6 Cl. 8
2
13. Servizio raccolta siringhe – Vedi art. 10 DTP.
14. Pulizia cunette e canali di scolo – Si allega elenco delle griglie e caditoie, ma resta comunque inteso che la ditta partecipante ha l’obbligo di effettuare il Sopralluogo per Presa Visione del Territorio, CRC, ecc.
15. Vedi risposte altre quesiti.
16. Prospetto economico – Essendo stato verificato un errore nel calcolo del costo effettivo della manodopera, è stato rimodulato il Q.T.E. del servizio, in cui sono state eliminate alcuni servizi aggiuntivi dall’esecuzione dell’appalto. Lo stesso, pertanto verrà pubblicato successivamente alla pubblicazione dell’Atto di approvazione.
Il RUP

FAQ n. 7

Domanda:

Di seguito alcune richieste di carattere generale: • Si chiede di definire univocamente lo standard minimo del servizio previsto per la raccolta differenziata ovvero se sia prevista la raccolta con modalità “porta a porta” su tutto il territorio oppure se ci sono alcune zone del territorio, ed in tal caso indicare quali, in cui deve essere prevista la raccolta con modalità “di prossimità”. • Con riferimento al personale attualmente impiegato, ai sensi dell’art. 6 del CCNL Servizi di Igiene Ambientale, si chiede la trasmissione delle seguenti informazioni:  elenco NON nominativo dei dipendenti, distinto tra addetti a tempo pieno e addetti a tempo parziale (con indicazione delle ore settimanali lavorate) e relativa misura percentuale; relativo livello di inquadramento, mansioni e/o qualifica; copia degli accordi collettivi aziendali di contenuto economico; anzianità nella posizione parametrale B; Ente previdenziale di appartenenza. Tali informazioni non sono contenute negli elaborati pubblicati a base gara. • DISCIPLINARE DI GARA: al punto 3, pag. 6, è quantificato il costo della manodopera in complessivi Euro 4.019.283,86, I.V.A. esclusa, che corrisponde ad un valore annuo pari a euro 803.856,77. Considerando il personale attualmente impiegato (tutti full time), indicato nell’ Allegato 1 al Disciplinare Tecnico Prestazionale, ed applicando il costo del lavoro di cui alle tabelle del MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - Direzione Generale dei Rapporti di Lavoro e delle Relazioni Industriali - Div. IV- COSTO MEDIO ORARIO PER IL PERSONALE ADDETTO AI SERVIZI AMBIENTALI - AZIENDE PRIVATE riferite a Marzo 2019 (ultimo aggiornamento disponibile), si ottiene un valore difforme del costo della manodopera indicato nei documenti di gara.Si chiede di chiarire come sia stata quantificato il costo della manodopera dichiarato a base gara, specificando il numero di addetti considerato ed il relativo costo. • A pag. 35, punto 16 del DISCIPLINARE DI GARA, è indicato quanto segue: “Nella relazione tecnico-illustrativa prevista dall'art. 202 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i., redatta in modo coerente con le informazioni contenute nell’allegato “Descrizione del territorio, dati propedeutici alla redazione della proposta tecnica migliorativa e documenti del Comune di Monte Compatri per la regolamentazione del servizio” (Allegato 2 al presente CSA), l’offerente dovrà proporre alla Stazione Appaltante un proprio Piano Operativo”. Anche in altri punti si fa riferimento all’ Allegato 2, si chiede di pubblicare l’elaborato “Allegato 2 al presente CSA”, che non risulta essere stato inserito fra la documentazione a base gara. • Con riferimento al DISCIPLINARE DI GARA, al punto 16 “Contenuto del Plico B – Offerta Tecnica”, è richiesta la produzione dei seguenti documenti: Si chiede se tali documenti possano essere prodotti all’interno di elaborati separati dalla “Relazione tecnica dei servizi offerti” costituita da solo 30 facciate formato A4. Le sole n. 30 facciate messe a disposizione non risultano sufficienti a contenere la mole di informazioni richieste al punto 16. • Con riferimento al punto 18.1 del DISCIPLINARE DI GARA, si chiede di chiarire la modalità di attribuzione del punteggio dei criteri di cui della “Tabella di valutazione” con l’indicazione precisa dei criteri “quantitativi” e di quelli “qualitativi”. • A pag. 39 del DISCIPLINARE DI GARA è indicato che: “Nella sezione identificata con la lettera A vengono indicati i punteggi relativi alle proposte migliorative quantitative”, si chiede chiarimento relativamente a o I sub-criterio – definire il numero di interventi di rimozione di rifiuti abbandonati all’anno per volumi < 6 mc quale standard minimo di riferimento; o II, III e IV sub-criterio - chiarire se il punteggio sia assegnato a seconda del numero di interventi aggiuntivi offerti, rispetto allo standard minimo; o V sub-criterio – chiarire il significato di “razionalizzazione del trasporto dei rifiuti nel territorio” in termini di interventi migliorativi-quantitativi e la modalità di attribuzione del punteggio. • Nella tabella a pag. 39 del “DISCIPLINARE DI GARA”, definita “Tabella di valutazione” è indicato lo stesso sub-criterio “Miglioramento della RD nelle scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali” sia con riferimento al criterio “B – Proposte per la gestione organizzata del servizio di raccolta differenziata” sia nel criterio “E – Proposte per il controllo dell’abbandono dei rifiuti”. Poiché le proposte organizzative riguardano “trasversalmente” i due sub-criteri, si chiede come saranno valutati atteso che il criterio “E - Proposte per il controllo dell’abbandono dei rifiuti” sembra riferirsi, principalmente, al controllo dell’abbandono dei rifiuti sul territorio e non all’interno di strutture quali scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali. • ART. 1. 2 DTP – si chiede se il “Piano per la raccolta della carta negli Uffici” debba essere inserito all’interno della Relazione Tecnica costituita da n. 30 facciate o se possa essere presentato come allegato a parte. Si chiede, inoltre, quali e quanti sono i “Settori” che devono essere dotati di “trituratori di carta”. • ART. 2 DTP: “Raccolta e trasporto dei rifiuti ingombranti, dei RAEE e del verde da giardino” – Si chiede conferma che per tale tipologia di servizio sia prevista la raccolta domiciliare, a pagamento, con oneri a carico dell’utenza, nelle more dell’attivazione del Centro Comunale di Raccolta. In tal caso si chiede se l’indicazione della tariffa/m3 “per il servizio di raccolta a casa invece che al portone dello stabile o all’entrata dell’utenza (solo per i condomini)” debba essere inserita nell’offerta tecnica. • ART. 2 DTP: “Raccolta e trasporto dei rifiuti ingombranti, dei RAEE e del verde da giardino” – Si chiede conferma che “le giornate ecologiche “da prevedere mensilmente per la raccolta degli ingombranti, debbano essere in aggiunta alla raccolta domiciliare “a pagamento”. • ART. 10 DTP: “Servizio di raccolta delle siringhe” – si chiede conferma che debba essere previsto un automezzo furgonato da utilizzarsi esclusivamente per il servizio di “raccolta siringhe” ed esclusivamente nel Comune di Monte Compatri; • ART 22: “Pulizia di cunette stradali e canali di scolo” – Si chiede di indicare il numero di cunette/caditoie stradali, pozzetti e rete fognaria bianca, presenti sul territorio comunale e oggetto degli interventi di pulizia di cui all’art. 22 del DTP. • Con riferimento al CAPITOLATO SPECIALE D’APPALTO, art. 32 – Mezzi e Attrezzature, si chiede di indicare per ciascuna tipologia di “mezzi”, di cui all’elenco “Mezzi ed Attrezzature, il monte ore annuo definito come standard minimo che non può variare in aumento o in diminuzione per più del 10%. Nella tabella, inoltre, sembra essere stata indicata un’unità di misura che non corrisponde al costo indicato (es. Autocompressore da 26 mc posteriore – unità di misura: Euro/ora – Costo: Euro 22.529 ???). Si chiede, inoltre, di definire lo standard minimo definito a base gara per il materiale non ammortizzabile (sacchi). • Ai sensi dell’art. 23 comma 15 del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii.: “15. Per quanto attiene agli appalti di servizi, il progetto deve contenere: la relazione tecnico-illustrativa del contesto in cui è inserito il servizio; le indicazioni e disposizioni per la stesura dei documenti inerenti alla sicurezza di cui all'articolo 26, comma 3, del decreto legislativo n. 81 del 2008; il calcolo degli importi per l'acquisizione dei servizi, con indicazione degli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso; il prospetto economico degli oneri complessivi necessari per l'acquisizione dei servizi; il capitolato speciale descrittivo e prestazionale, comprendente le specifiche tecniche, l'indicazione dei requisiti minimi che le offerte devono comunque garantire e degli aspetti che possono essere oggetto di variante migliorativa e conseguentemente, i criteri premiali da applicare alla valutazione delle offerte in sede di gara, l'indicazione di altre circostanze che potrebbero determinare la modifica delle condizioni negoziali durante il periodo di validità, fermo restando il divieto di modifica sostanziale”. • Si chiede alla Stazione Appaltante la pubblicazione del “calcolo degli importi per l’acquisizione dei servizi” ovvero il quadro economico del servizio con indicazione dei principali centri di costo che concorrono alla determinazione dell’importo a base d’asta (manodopera, gestione e ammortamento mezzi, acquisto attrezzature e materiale di consumo, spese generali ed utile d’impresa).

Risposta:

Servizio attuale - Il servizio attualmente in essere è totalmente Porta a Porta;
2. Assorbimento del personale - In riferimento a quanto richiesto è obbligatoria rilevare tutto il personale attualmente in servizio presso l’Appaltatore cessante. Si allega tabella dei dipendenti.
3. Costo incidenza manodopera – Essendo stato verificato il costo effettivo della manodopera, è stato rimodulato il Q.T.E. del servizio, in cui sono state eliminate alcuni servizi aggiuntivi dall’esecuzione dell’appalto.
4. Allegato 2 CSA – trattasi di un refuso, la Relazione dovrà essere redatta sui dati forniti dal CSA, DTP, allegati e presa visione dei luoghi.
5. Formulazione offerta tecnica.
- Elenco e schede tecniche e automezzi – E’possibile fornire elenco e schede a parte.
- Conteggio pagine - Gli allegati alla relazione e offerta tecnica sono esclusi dal conteggio delle pagine. (Vedere art.16 punto a) del Disciplinare di gara);
- Proposte migliorative – Le proposte migliorative, rientrano nel conteggio delle pagine, rientrano nelle facciate del punto sopra chiarito (punto 3). Gli elaborati grafici esplicativi dei servizi proposti, sono indicati come inclusi nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa;
- Le varianti migliorative - Le varianti migliorative rientrano nelle facciate del punto sopra chiarito (punto 3), Gli elaborati grafici esplicativi dei servizi proposti, sono indicati come inclusi nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa;
- Il documento rappresentativo progettuale esecutivo e di dettaglio essendo un elaborato grafico esplicativo – Tale progetto dovrebbe essere incluso nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa;
- Rappresentazione cartografica e descrittiva di organizzazione del Servizio di R.D. – l’elaborato, grafico o tabella (è facoltà della Ditta esprimersi sotto forma di elaborato, relazione, grafico, tabella, ecc) dovrà costituire una proposta di svolgimento della raccolta differenziata al fine di migliorarne l’obbiettivo.
6. Valutazione - Verrà effettuata una valutazione qualitativa;
7.
8. Criterio E - Nel criterio E, il sub criterio “ Miglioramento della RD nelle scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali”, è da intendersi come proposta di controllo nelle aree esterne di tali immobili,dove vengono depositati rifiuti.
9. Raccolta carta e fornitura Trituratori – La relazione piano per la raccolta della carta degli uffici comunali rientra tra la relazione inerente il servizio. Come indicato nell’art 4 del Capitolato Speciale d’Appalto, i trituratori dovranno essere forniti a servizio di ogni settore. I settori che costituisco il Comune sono 9 (Settore LL.PP., Settore V°, Settore Economico Fin., Settore Vigilanza, Settore Risorse Umane, Settore Affari Generali, Segretario Generale, Settore Servizio Demografico, Settore Igiene e Sanità.
10. Raccolta a domicilio ingombranti, Raee e sfalci - La raccolta dei rifiuti ingombranti sarà gratuita fino ad 1.00 m3 sia per il ritiro nel CRC, a domicilio su prenotazione (al portone o cancello). Per le quantità superiori l’utente può usufruire del servizio previo pagamento accordato direttamente con Ditta appaltatrice. La tariffa per quantità superiori ad 1.00 m3 se pur decisa dalla’I.A andrà autorizzata ed approvata dall’Ente, salvo eventuali successive determinazioni. Per gli sfalci è consentito il ritiro un giorno a settimana (anche con l’organico) per una quantità minima di 20kg in sacchi/fascina. (art.1.1 DTP punto f)). Come indicato nell’’art.2 del DTP i servizi sono compresi nell’importo posto a base di gara nel limite delle quantità sopra descritte.
11.
12. Giornate ecologiche. – Si dovranno prevedere le giornate ecologiche sono un servizio in più reso al cittadino. Comune di Monte Compatri Prot. n. 0004282 del 17-02-2020 partenza Cat. 6 Cl. 8
2
13. Servizio raccolta siringhe – Vedi art. 10 DTP.
14. Pulizia cunette e canali di scolo – Si allega elenco delle griglie e caditoie, ma resta comunque inteso che la ditta partecipante ha l’obbligo di effettuare il Sopralluogo per Presa Visione del Territorio, CRC, ecc.
15. Vedi risposte altre quesiti.
16. Prospetto economico – Essendo stato verificato un errore nel calcolo del costo effettivo della manodopera, è stato rimodulato il Q.T.E. del servizio, in cui sono state eliminate alcuni servizi aggiuntivi dall’esecuzione dell’appalto. Lo stesso, pertanto verrà pubblicato successivamente alla pubblicazione dell’Atto di approvazione.
Il RUP

FAQ n. 8

Domanda:

Come già richiesto a mezzo email, sono disponibili file in formato DWG del territorio comunale ai fini della realizzazione della cartografia

Risposta:

In riferimento a quanto richiesto la cartografia del territorio è disponibile al seguente link: ftp://37.182.208.189/StrumentiUrbanistici/Cartografia%20Comunale%20DWG%20volo%2021-05-05/ Il RUP

FAQ n. 9

Domanda:

La scrivente S.A.R.I.M. S.r.l., con sede in Salerno (SA) Corso Vittorio Emanuele N. 171 Partita I.V.A.: 02596800652 C.F.: 04089200630 ed iscritta nel Registro delle Imprese della C.C.I.A.A. di Salerno al R.E.A.: 230941, interessata a partecipare al bando di gara di cui in oggetto, propone formale richiesta di chiarimenti, come di seguito esplicitato. 1. Chiarimento Punto 18.1 del Disciplinare di gara Il punto 18.1 del Disciplinare di Gara stabilisce che “Il punteggio dell’offerta tecnica è attribuito sulla base dei criteri di valutazione elencati nella sottostante tabella con la relativa ripartizione dei punteggi. Nella sezione identificata con la lettera A vengono indicati i Punteggi relativi alle proposte migliorative quantitative”. Di contro, nella tabella di valutazione riportata sempre al punto 18.1 del Disciplinare di gara nella sezione A vengono riportati “Criteri e sub criteri per migliorie qualitative”. Ciò posto si chiede di chiarire, per ciascun sub criterio di valutazione se il metodo di attribuzione del punteggio (per un totale di 25 punti) sarà di tipo qualitativo o di tipo quantitativo. 2. Chiarimento Art.2 del Disciplinare Tecnico Prestazione (DTP) L’art.2 del DPT (Raccolta e trasporto dei rifiuti ingombranti, dei RAEE e del verde da giardino) stabilisce che “…in sede di presentazione dell’offerta tecnico-economica i partecipanti dovranno avanzare una proposta di organizzazione ed economica del servizio contenente le seguenti specifiche: - Tempo medio di evasione delle richieste da parte degli utenti; - Tariffa /m3 per il servizio di raccolta a casa invece che al portone dello stabile o all’entrata dell’utenza (solo per i condomini)” Atteso che l’offerta tecnica dovrebbe essere avulsa da qualsiasi riferimento di carattere economico, si chiede se l’aspetto economico (Tariffa /m3) potrà essere concordata direttamente con l’utente all’atto della richiesta di ritiro o se detto aspetto debba essere effettivamente espresso all’interno dell’offerta tecnica. 3. Chiarimento Art.2 Capitolato Speciale d’Appalto (CSA) L’art.2 del CSA (Ambito territoriale e servizi oggetto dell’appalto) esclude esplicitamente il servizio di raccolta separata degli abiti dismessi (CER 200110 e CER 200111) che viene però dettagliato all’art.6 del DTP. Atteso che nel CSA si precisa che i servizi dovranno rispondere a quanto riportato nel DTP, si chiede di chiarire se il servizio di raccolta separata degli abiti dismessi (CER 200110 e CER 200111) rientri o meno tra i servizi oggetto d’appalto. 4. Chiarimento Art. 20 del Capitolato Speciale d’Appalto (CSA) L’art.20 del CSA (Obiettivi minimi e relative premialità o penalità) stabilisce che “l’I.A. dovrà garantire il raggiungimento minimo di quanto indicato nel progetto offerta che comunque non potrà essere inferiore al 70% medio di raccolta differenziata (obiettivo minimo) già a partire dal primo anno di esecuzione del nuovo servizio domiciliare)”. Orbene si evidenzia che, nel successivo punto relativo alla Premialità viene riportato quale “obiettivo minimo da raggiungere già dal primo anno una percentuale di raccolta differenziata pari al 75%”. Ciò posto si chiede di chiarire quale debba essere l’obiettivo minimo di raccolta differenziata da garantire già dal primo anno, soprattutto al fine delle eventualità premialità/penalità. 5. Chiarimento Punto 18.1 del Disciplinare di gara Atteso che il sub criterio “Miglioramento della RD nelle scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali” si ripete sia nel Criterio B (Proposte per la gestione organizzata del servizio di raccolta differenziata) che nel Criterio E (Proposte per il controllo dell’abbandono dei rifiuti), si chiede se lo stesso debba intendersi, nel criterio E, quale refuso in quanto ritenuto poco attinente all’obiettivo prefissatosi nel criterio stesso (ovvero controllo dell’abbandono dei rifiuti) o, in caso contrario, di fornire chiarimenti in merito. In attesa di un Vs gradito riscontro, si porgono cordiali saluti SARIM srl

Risposta:

1. Servizio attuale - Il servizio attualmente in essere è totalmente Porta a Porta; 2. Assorbimento del personale - In riferimento a quanto richiesto è obbligatoria rilevare tutto il personale attualmente in servizio presso l’Appaltatore cessante. Si allega tabella dei dipendenti. 3. Costo incidenza manodopera – Essendo stato verificato il costo effettivo della manodopera, è stato rimodulato il Q.T.E. del servizio, in cui sono state eliminate alcuni servizi aggiuntivi dall’esecuzione dell’appalto. 4. Allegato 2 CSA – trattasi di un refuso, la Relazione dovrà essere redatta sui dati forniti dal CSA, DTP, allegati e presa visione dei luoghi. 5. Formulazione offerta tecnica. - Elenco e schede tecniche e automezzi – E’possibile fornire elenco e schede a parte. - Conteggio pagine - Gli allegati alla relazione e offerta tecnica sono esclusi dal conteggio delle pagine. (Vedere art.16 punto a) del Disciplinare di gara); - Proposte migliorative – Le proposte migliorative, rientrano nel conteggio delle pagine, rientrano nelle facciate del punto sopra chiarito (punto 3). Gli elaborati grafici esplicativi dei servizi proposti, sono indicati come inclusi nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa; - Le varianti migliorative - Le varianti migliorative rientrano nelle facciate del punto sopra chiarito (punto 3), Gli elaborati grafici esplicativi dei servizi proposti, sono indicati come inclusi nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa; - Il documento rappresentativo progettuale esecutivo e di dettaglio essendo un elaborato grafico esplicativo – Tale progetto dovrebbe essere incluso nel conteggio delle pagine, ma verranno valutati anche se costituenti documento/elaborato indipendente rispetto la proposta tecnico organizzativa; - Rappresentazione cartografica e descrittiva di organizzazione del Servizio di R.D. – l’elaborato, grafico o tabella (è facoltà della Ditta esprimersi sotto forma di elaborato, relazione, grafico, tabella, ecc) dovrà costituire una proposta di svolgimento della raccolta differenziata al fine di migliorarne l’obbiettivo. 6. Valutazione - Verrà effettuata una valutazione qualitativa; 7. 8. Criterio E - Nel criterio E, il sub criterio “ Miglioramento della RD nelle scuole, palestre, strutture sanitarie, centri sportivi, uffici comunali”, è da intendersi come proposta di controllo nelle aree esterne di tali immobili,dove vengono depositati rifiuti. 9. Raccolta carta e fornitura Trituratori – La relazione piano per la raccolta della carta degli uffici comunali rientra tra la relazione inerente il servizio. Come indicato nell’art 4 del Capitolato Speciale d’Appalto, i trituratori dovranno essere forniti a servizio di ogni settore. I settori che costituisco il Comune sono 9 (Settore LL.PP., Settore V°, Settore Economico Fin., Settore Vigilanza, Settore Risorse Umane, Settore Affari Generali, Segretario Generale, Settore Servizio Demografico, Settore Igiene e Sanità. 10. Raccolta a domicilio ingombranti, Raee e sfalci - La raccolta dei rifiuti ingombranti sarà gratuita fino ad 1.00 m3 sia per il ritiro nel CRC, a domicilio su prenotazione (al portone o cancello). Per le quantità superiori l’utente può usufruire del servizio previo pagamento accordato direttamente con Ditta appaltatrice. La tariffa per quantità superiori ad 1.00 m3 se pur decisa dalla’I.A andrà autorizzata ed approvata dall’Ente, salvo eventuali successive determinazioni. Per gli sfalci è consentito il ritiro un giorno a settimana (anche con l’organico) per una quantità minima di 20kg in sacchi/fascina. (art.1.1 DTP punto f)). Come indicato nell’’art.2 del DTP i servizi sono compresi nell’importo posto a base di gara nel limite delle quantità sopra descritte. 11. 12. Giornate ecologiche. – Si dovranno prevedere le giornate ecologiche sono un servizio in più reso al cittadino. Comune di Monte Compatri Prot. n. 0004282 del 17-02-2020 partenza Cat. 6 Cl. 8 2 13. Servizio raccolta siringhe – Vedi art. 10 DTP. 14. Pulizia cunette e canali di scolo – Si allega elenco delle griglie e caditoie, ma resta comunque inteso che la ditta partecipante ha l’obbligo di effettuare il Sopralluogo per Presa Visione del Territorio, CRC, ecc. 15. Vedi risposte altre quesiti. 16. Prospetto economico – Essendo stato verificato un errore nel calcolo del costo effettivo della manodopera, è stato rimodulato il Q.T.E. del servizio, in cui sono state eliminate alcuni servizi aggiuntivi dall’esecuzione dell’appalto. Lo stesso, pertanto verrà pubblicato successivamente alla pubblicazione dell’Atto di approvazione. Il RUP

FAQ n. 10

Domanda:

Con la presente si rileva una discordanza tra il Modello 6 e il disciplinare di gara. Nel modello 6 si riporta:" in caso di aggiudicazione della procedura di gara, si impegna ad acquisire a titolo definitivo entro 6 mesi dalla data di stipula del contratto d'appalto i mezzi e l'attrezzatura tecnica idonea per il regolare svolgimento delle prestazioni contrattuali in conformità alle prescrizioni indicate all'art. 32 del CSA". Nel disciplinare al punto 15.1.III.8 si riporta:"Di disporre dei mezzi e delle attrezzature tecniche idonee per il regolare svolgimento delle prestazioni contrattuali, in conformità alle prescrizioni indicate all'art. 32 del CSA, ovvero di impegnarsi ad acquistarle entro 1 mese dalla comunicazione di aggiudicazione". Si chiede pertanto di esplicitare se il termine per l'acquisto è quello indicato nel disciplinare o quello indicato nel Modello e se il termine decorre dalla comunicazione di aggiudicazione o dalla stipula del contratto.

Risposta:

I termini corretti sono quelli indicati nel disciplinare. Il Rup