Pubblica amministrazione

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MANUTENZIONE DEL VERDE PUBBLICO NEL COMUNE DI FRASCATI PER 3 ANNUALITÀ A DECORRERE DALLA DATA DEL VERBALE DI AVVIO DI ESECUZIONE

Ente: Comune di Frascati
Oggetto: AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MANUTENZIONE DEL VERDE PUBBLICO NEL COMUNE DI FRASCATI PER 3 ANNUALITÀ A DECORRERE DALLA DATA DEL VERBALE DI AVVIO DI ESECUZIONE
Tipo di fornitura:
  • Servizi
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 1.211.776,62
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 1.196.776,62
Oneri Sicurezza (Iva esclusa): € 15.000,00
CIG: 85844765B2
Stato: In svolgimento
Centro di costo: Ambiente
Data pubblicazione: 26 febbraio 2021 9:30:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 26 marzo 2021 12:00:00
Data scadenza: 02 aprile 2021 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • Domanda di partecipazione
  • Documento di Identità
  • Attestazione pagamento Contributo ANAC
  • Cauzione - Fidejussione
  • DGUE
  • PASS- OE
  • Dichiarazioni Integrative DGUE
  • Dichiarazione del consorziato
  • Dichiarazione ausiliario per avvalimento
  • Dichiarazione costituenda ATI
  • Eventuali altri documenti integrativi
  • Requisiti minimi di idoneità professionale
  • Requisiti minimi di ordine speciale - capacità economica
  • Impegno garanzia definitiva
  • Attestato presa visione dei luoghi
Per richiedere informazioni: Rup Comunale Dott. Elpidio Bucci e-mail: ufficioambiente@comune.frascati.rm.it Tel. +39 06941841 P.E.C.: protocollofrascati@legalmail.it

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

L'importo dichiarato per servizio svolto a regola d'arte di importo annuo pari o superiore a €400.00,00 non è chiaro. Sono € 400.000,00 oppure € 40.00,00? Si chiede di specificare tale importo.

Risposta:

L'importo corretto da considerare nel punto I dell'art.14.5 del Disciplinare di Gara e al punto I di pag.4 del Bando di Gara, relativo ai Requisiti minimi di ordine speciale – capacità tecnica professionale da inserire nel sistema AVCPASS, è pari a € 400.000,00 e non, come erroneamente riportato per un refuso di stampa, € 400.00,00.

FAQ n. 2

Domanda:

Si chiede alla spettabile stazione appaltate se occorre fornire i nominativi della terna dei subappaltatori come richiesto dal disciplinare di gara oppure, considerato il rinvio della scadenza al 31.12.2021 del Decreto 32/2019, c.d. sblocca cantieri il quale la sospende l'obbligo di indicare la terna di subappaltatori in sede di gara per gli affidamenti di appalti, basta solamete dichiarare l'intenzione di subappalto

Risposta:

Non vi è l'obbligo, fino al 31.12.2021, di indicare la terna dei subappaltatori (art. 1, comma 18, secondo periodo, della legge n. 55 del 2019, e art. 13, comma 2, lettera c), legge n. 21 del 2021).

FAQ n. 3

Domanda:

Buongiorno, in merito ai requisiti di capacità tecnica e professionale si formulano i seguenti quesiti: - Per Pubbliche Amministrazioni Locali vengono considerate solamente le Amministrazioni Comunali o anche Enti Pubblici Provinciali, Regionali o Società per Azioni Controllate al 100% da Enti Pubblici (come per esempio SPA controllate al 100% da enti ministeriali o comunali)? - L'aver svolto servizi ininterrottamente nel triennio antecedente la data di pubblicazione del bando, significa che ogni servizio deve essere svolto per almeno 3 anni o anche la somma più servizi dovrà dimostrare un'attività ininterrotta di 3 anni? Inoltre potranno essere presi in considerazione servizi svolti non per conto di un'amministrazione Comunale ma comunque svolti all'interno di un Comune con popolazione superiore ai 22.000 abitanti?

Risposta:

Per Pubbliche Amministrazioni Locali si intendono le Amministrazioni ricomprese nell'art. 2, c. 1, D. Lgs. 267/2000. Per quanto riguarda il requisito minimo di ordine speciale - capacità tecnica professionale previsto dall'art. 14.5, punto II, si specifica che gli operatori economici devono aver svolto ininterrottamente per almeno tre anni ogni servizio oggetto di gara. In riferimento al quesito posto, potranno essere considerati esclusivamente servizi svolti per conto di un Comune di popolazione non inferiore a 22.000 abitanti residenti.

FAQ n. 4

Domanda:

Requisiti minimi di ordine speciale – capacità economico finanziaria: si chiede ulteriori chiarimenti per il fatturato specifico di €. 800.000,00, rappresenta la somma dei fatturati dei tre anni antecedenti alla gara ? 2) servizi identici, possono essere presi in considerazione servizi manutenzione del verde, in modo continuativo eseguiti presso ASL ? Saluti

Risposta:

In riferimento ai requisiti minimi di ordine speciale – capacità economico finanziaria (art.14.4 punto I - disciplinare di gara), il concorrente dovrà comprovare di aver conseguito un fatturato specifico di impresa minimo annuo non inferiore a € 800.000,00 relativamente a ciascuno degli ultimi tre esercizi finanziari approvati. Verranno considerati i servizi svolti presso Pubbliche Amministrazioni Locali. Per Pubbliche Amministrazioni Locali si intendono le Amministrazioni ricomprese nell'art. 2, c. 1, D. Lgs. 267/2000.

FAQ n. 5

Domanda:

In riferimento al requisito di cui al punto 14.4 capoverso II del disciplinare di gara (La presentazione dei bilanci almeno in pareggio negli ultimi tre esercizi ……………… affidamento oggetto della gara), si richiede alla luce della sentenza del TAR Sicilia, Sez. II, 2 dicembre 2020, n. 2712, se il requisito possa essere soddisfatto qualora, pur avendo presentato un bilancio nell’ultimo triennio con perdite di esercizio, le stesse siano state coperte e ripianate nell’esercizio successivo

Risposta:

Ai fini dell'ammissione alla procedura d'appalto è necessario soddisfare il requisito di cui all'art. 14.4 punto II del disciplinare di gara, ossia la presentazione dei bilanci almeno in pareggio negli ultimi tre esercizi approvati.

FAQ n. 6

Domanda:

In riferimento al requisito di cui al punto 14.5 capoverso I (Di aver svolto a regola d’arte ed ininterrottamente nel triennio antecedente la data di pubblicazione del presente bando, servizi identici a quelli contenuti nel Capitolato Speciale d’Appalto per un importo annuo pari o superiore a € 400.00,00 (IVA esclusa); per servizi identici si intendono attività commissionate da Pubbliche Amministrazioni Locali riguardanti le attività oggetto della presente gara) si richiede se il criterio possa essere soddisfatto mediante lo svolgimento di servizi identici per attività commissionate da Amministrazione Pubbliche che operano sul territorio con strutture organizzative locali (esempio sedi provinciali, regionali, filiali etc)

Risposta:

Per Pubbliche Amministrazioni Locali, così come indicato nell'art. 14.5 punto I del disciplinare di gara, si intendono le Amministrazioni ricomprese nell'art. 2, c. 1, D. Lgs. 267/2000.

FAQ n. 7

Domanda:

Alla c.a. Comune di Frascati E p.c. Centrale Unica di Committenza della XI Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini In riferimento alla procedura per l’affidamento in oggetto, si trasmette la seguente richiesta di Chiarimenti: Nel disciplinare di gara alla pagina 18/32, all’art. 14.4 - Requisiti minimi di ordine speciale – capacità economico finanziaria, viene richiesto al concorrente di dimostrare quanto segue: I. Al fine di verificare la solidità economica della ditta, il concorrente dovrà comprovare di aver conseguito un fatturato specifico di impresa minimo annuo relativo a servizi analoghi a quelli oggetto dell’appalto, riferito a ciascuno degli ultimi tre esercizi finanziari approvati, che dovrà essere di importo non inferiore a € 800.000,00 (IVA esclusa) pari a circa due volte il valore annuo stimato del presente appalto; II. La presentazione dei bilanci almeno in pareggio negli ultimi tre esercizi approvati al fine di verificare che non si siano rilevate perdite di esercizio nei bilanci presentati nell’ultimo triennio. Il requisito deve essere posseduto dall’impresa partecipante. In caso di raggruppamento temporaneo di imprese il requisito deve essere posseduto da tutti i soggetti del raggruppamento. In caso di consorzio il requisito deve essere posseduto dal consorzio se direttamente operativo e da tutti i consorziati che effettueranno le attività nell’ambito dell’affidamento oggetto della gara. Qualora fosse interessata a presentare offerta una società di recente o nuova costituzione, avvenuta nel mese di ottobre 2019, essa potrebbe dimostrare il requisito del fatturato specifico richiesto al primo punto dell’art. 14.4, per averlo acquisito attraverso un conferimento di ramo d’azienda ed un affitto di ramo d’azienda a valere per gli anni pregressi. Ciò premesso, e considerato che in più occasioni la Autorità Nazionale Anti Corruzione (“ANAC”), in ragione del principio generale del favor partecipationis ha affermato per le imprese di recente costituzione che “il calcolo per la verifica del possesso dei requisiti indicati nel bando va effettuato sugli anni di effettiva esistenza dell’impresa e i bilanci e la documentazione da presentare sono da riferirsi agli anni di effettiva operatività della stessa” (cfr. deliberazioni ANAC 20 dicembre 2017, n. 1349; 23 maggio 2018, n. 473 e 14 giugno 2017, n. 671) si chiede a codesta Spett.le Stazione Appaltante come si debba comportare la eventuale concorrente per la dimostrazione del requisito di cui al secondo punto sopra riportato riferito ai bilanci, qualora tali documenti non siano disponibili in ragione della recente o nuova costituzione della società concorrente medesima.

Risposta:

In base a quanto disposto dall'art. 86, c. 4, e dall'All. XVII, parte I, D. Lgs. 50/2016, la Stazione Appaltante deve valutare il possesso dei requisiti di capacità economico e finanziaria con riferimento agli anni di effettiva esistenza dell'Impresa, al fine di permettere la partecipazione alla procedura di gara anche agli operatori economici di nuova costituzione. In alternativa, l'Operatore Economico, può, ai sensi dell'art. 76, c. 9, DPR 207/2010, avvalersi dei requisiti di capacità economico e finanziaria posseduti dall'Azienda cedente in caso di contratto di affitto di ramo d'azienda di durata non inferiore a tre anni.

FAQ n. 8

Domanda:

Buongiorno,

in riferimento al punto 14.5 I vi chiediamo se l’amministrazione pubblica :Banca d’Italia può rientrare  tra gli enti previsti nel punto.

In attesa di un Vs. cortese riscontro porgiamo cordiali saluti

 

Risposta:

Per Pubbliche Amministrazioni Locali si intendono le Amministrazioni ricomprese nell'art. 2, c. 1, D. Lgs. 267/2000.

FAQ n. 9

Domanda:

Buona sera, con la presente si chiedono i seguenti chiarimenti: Nel Capitolato Speciale d’Appalto si legge: “Il calendario dei tagli deve prevedere almeno 15 tagli annui con asporto per prati estensivi e di almeno 25 tagli annui con asporto per prati ornamentali di tipo intensivo di livello ornamentale medio. Per prati ornamentali di livello elevato il numero dei tagli dev’essere almeno pari a 35.” Dove possiamo trovare le classificazioni delle aree al fine di individuare i mq totali da sfalciare? La potatura di siepi e cespugli è compresa nel canone mensile? Se si quanti interventi sono previsti e su quali consistenze? La potatura degli alberi è compresa nel canone mensile? Se si quale percentuale dell’importo è relativa alle potature di alberi? Gli abbattimenti sono compresi nel canone? La pulizia delle superfici pavimentate va effettuata solo in concomitanza con gli sfalci?

Risposta:

-Le aree estensive in cui effettuare 15 tagli annui sono le aree verdi esterne al centro urbano, aree periferiche presenti, a titolo di esempio, nei quartieri di Cocciano, Vermicino, Colle Pizzuto, ecc. Le aree interessate da almeno 25 tagli si trovano nelle aree dei parchi, a titolo di esempio, Parco dell’Ombrellino, Villa Torlonia, Villa Sciarra, aree sottostanti la passeggiata in Via Letizia Buonaparte, ecc Le aree interessate dal 35 tagli sono quelle di alcune aree centrali di elevata rappresentanza come, a titolo di esempio, Piazza Marconi, Viale Annibal Caro, Viale Vittorio Veneto, ecc;

-La potatura di siepi e arbusti è compresa nel canone e a tal proposito si rimanda all’art.43 punto 2 del Capitolato Prestazionale. Non si dispone di un dettaglio puntuale relativo all’attuale consistenza, di norma si devono effettuare almeno 2 tagli l’anno, in alcuni casi specifici anche 3-4 volte l’anno;

-La potatura degli alberi è compresa nel canone e a tal proposito si rimanda all’art.42 e all’art. 43 del Capitolato Prestazionale. La percentuale dell’importo relativa alle potature degli alberi può variare a seconda delle tecniche e delle attrezzature utilizzate dall’operatore economico;

-Gli abbattimenti sono compresi nel canone e a tal proposito si rimanda all’art.40 punto 1 del Capitolato Prestazionale;

-La pulizia delle superfici pavimentate va effettuata in concomitanza con gli sfalci.

FAQ n. 10

Domanda:

In riferimento al Criterio n. 7 “Iscrizione albo nazionale gestori ambientali” e precisamente al sub criterio 7.1 di pag. 28 del disciplinare di gara dove è richiesto di possedere: “Iscrizione all'Albo Nazionale Gestori Ambientali, in corso di validità, per l'attività di trasporto dei propri rifiuti da parte del produttore iniziale (ex conto proprio) secondo comma 8 dell’articolo 212 del D.lgs. 152/2006 che inquadra l’Impresa nella categoria 2bis del D.M. 120/2014 (articolo 8, comma 1, lettera b), per le attività riconducibili alla gestione di rifiuti con codici C.E.R. 20.02.01 Rifiuti biodegradabili; 20.02.02 - Terra e Roccia; 20.02.03 - Altri rifiuti non biodegradabili relativamente all’esecuzione dei servizi oggetto del presente appalto”, si chiede se tale sub criterio 7.1 possa ritenersi soddisfatto, qualora l’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali dell’operatore economico partecipante sia nella categoria 2bis del D.M. 120/2014 (articolo 8, comma 1, lettera b), per le attività riconducibili alla gestione di rifiuti con codici C.E.R. 20.02.01 Rifiuti biodegradabili; 20.02.02 - Terra e Roccia; mentre per quanto concerne il codice C.E.R. 20.02.03 Altri rifiuti non biodegradabili, questo possa essere ricompreso nella categoria 1 – A Raccolta e Trasporto di Rifiuti urbani, ed essendo quindi in possesso dei mezzi idonei per la raccolta ed il trasporto di suddetta tipologia di rifiuti possa svolgere il servizio secondo la normativa vigente in egual misura.

Risposta:

Il sub criterio 7.1 del Disciplinare di gara può ritenersi soddisfatto solo qualora tutti e tre i codici indicati (C.E.R. 20.02.01 Rifiuti biodegradabili; 20.02.02 - Terra e Roccia; 20.02.03 - Altri rifiuti non biodegradabili) siano compresi nell’iscrizione all'Albo Nazionale Gestori Ambientali, posseduta dall’operatore, in corso di validità, per l'attività di trasporto dei propri rifiuti da parte del produttore iniziale (ex conto proprio) secondo comma 8 dell’articolo 212 del D.lgs. 152/2006 che inquadra l’Impresa nella categoria 2bis del D.M. 120/2014 (articolo 8, comma 1, lettera b).

FAQ n. 11

Domanda:

I requisiti di capacità tecnica professionale di cui al numero14.5, punto I) del disciplinare, 400.000€/anno di servizi identici sono da conseguire con un unico servizio/anno svolto? oppure i 400.000 €/anno possono essere soddisfatti con la somma di più servizi? Le annualità sono 2018/2019/2020?

Risposta:

Si deve far riferimento a quanto indicato nell’art.14.5 punto I del Disciplinare di gara tenendo in considerazione che gli operatori economici devono aver svolto ininterrottamente per almeno tre anni ogni servizio oggetto di gara. Per triennio antecedente la data di pubblicazione del bando si deve considerare il triennio 2018-2019-2020.

FAQ n. 12

Domanda:

- In riferimento ai requisiti minimi di ordine speciale – capacità tecnica professionale, di cui al punto II) alla pagina 18 del disciplinare di gara, dove è disciplinato: ”Di aver svolto a regola d’arte ed ininterrottamente nel triennio antecedente la data di pubblicazione del presente bando, servizi identici a quelli contenuti nel Capitolato Speciale d’Appalto per almeno un Comune di popolazione non inferiore a 22.000 abitanti residenti (dati ISTAT al 31 dicembre 2017); per servizi identici si intendono attività commissionate da Pubbliche Amministrazioni Locali riguardanti le attività oggetto della presente gara;” si chiede di chiarire se in caso di partecipazione in Costituendo RTI, tenuto conto anche di quanto specificato a tal proposito alla pag. 8 del Disciplinare di gara, tale requisito possa essere dimostrato dal costituendo RTI nel suo complesso e pertanto nel caso di un servizio identico svolto per un Comune di popolazione non inferiore a 22.000 abitanti residenti, questo possa essere dimostrato indifferentemente da uno dei componenti il costituendo RTI.

Risposta:

In base al disposto dell'art. 9, c. 5., del Disciplinare di gara, la mandataria (e non la mandante) di un RTI deve possedere i requisiti speciali richiesti in misura maggioritaria e deve eseguire nella stessa misura le attività oggetto dell'affidamento.